<<     Indietro
                             
IN PRINCIPIO
                                                Alla prima Alba.
        Stupore dell'alba che vide il principio di tutte le cose:
dell'alba che fu dall'Iddio.
Luce, penetrò le sue carni
le sue chiome il suo fiato.
Solo essa da Dio
animò la tremenda natura del Caos,
e man mano
con Dio
dipanò la matassa dell'ordine
e la vita del mondo che scorre.


* * *
        Sorvolò sulle tenebre tutte e le vinse;
carezzò le arene infinite e le accese;
le acque da nere chiamò all'azzurro colore.
        Di smaglianti colori
fiori e i frutti tinse
e il cielo di bianco e di rosa.
        Primo quadro grandioso
dipinse
che tutto "Natura" il Signore chiamò.

* * *
        O stupore del fiore
che primo ti vide
"prima luce" da Dio emanata !
Tu stesso Suo fiato, chiarore !

* * *
        O stupore del mare;
o del cielo stupore spettrale !

* * *
        Che respiro dal nulla si sciolse !
E fu tutto con Te.
E. M
<<     Indietro